Endzone Magazine Forum

(Beta Version)

Il forum dedicato alle squadre NFL

Moderatori: Guechamp, Ricky71, warner75, Moderatori Endzone

#1137584
brandonmarshall88 ha scritto:Io personalmente prescott garoppolo cousins non li considero superiori alla fascia tannehill goff, parliamo di tutta gente che prende circa 30 milioni e non sono élite, ormai i soldi che si danno ad un qb starter almeno affidabile sono quelli


Sono d’accordo.E’ difficile comprendere ed accettare che 30 m. per un Qb starter sia un compenso medio.Ma la NFl sta diventando qs.Stesso discorso,ma con un impatto sulle partite meno decisivo, può valere per i Defensive Linemen che stanno aumentando il valore dei propri contratti.
#1137588
brandonmarshall88 ha scritto:Io personalmente prescott garoppolo cousins non li considero superiori alla fascia tannehill goff, parliamo di tutta gente che prende circa 30 milioni e non sono élite, ormai i soldi che si danno ad un qb starter almeno affidabile sono quelli


Prescott non ce l'ha il contratto (per il momento, ma è probabile rinnovi entro quest'anno).
Con Cousins si sono un po' impiccati col primo contratto, troppo alto, ma sul mercato è così, scatta l'asta (tanti anche secondo me).
Garoppolo ha uno stipendio di 27.5 M all'anno, quindi sta sotto i 30, e comunque di quelli che hai citato sarebbe anche l'unico che se li merita volendo.
Tannehill 29.5 M, anche lui sta sotto i 30 ma troppi, decisamente troppi, non esiste.
AFC Championship, probowler (come riserva di Mahomes), NFL Comeback player of the year award, e il contratto sale che è un piacere. In situazioni normali il contratto sarebbe stato sui 25/26, ma con i premi purtroppo sale anche se non vuoi.
Goff 33.5 M all'anno, vabbè mi pare che ne abbiamo parlato a sufficienza. Follia pura.
Al di là delle varie fasce di QB, questi contratti possono diventare un enorme problema se le cose vanno male, ma basta anche un infortunio o un'annata storta perché accada.
#1137604
Ma io capisco che goff non possa piacere, però se giustifichiamo gli altri contratti non capisco perché non è giustificato l’unico che di quel gruppetto ha già giocato un superbowl e un divisional se non sbaglio, e in meno anni degli altri visto che il più giovane di tutti e 4
#1137605
brandonmarshall88 ha scritto:Ma io capisco che goff non possa piacere, però se giustifichiamo gli altri contratti non capisco perché non è giustificato l’unico che di quel gruppetto ha già giocato un superbowl e un divisional se non sbaglio, e in meno anni degli altri visto che il più giovane di tutti e 4


Come l'unico? Garoppolo dove lo lasci? :) ha pure rischiato seriamente di vincerlo.
Tannehill ha perso un Championship (non per colpa sua), a parte Cousins e Prescott tutti hanno fatto un po' di strada in postseason (Goff e Garoppolo sfiorando il colpaccio).
Comunque non ho giustificato o legittimato nessuno di quei contratti, ho detto che forse l'unico che merita il suo stipendio è Garoppolo tra quelli elencati (che comunque è il più basso).
Gli altri sono tutti oversalaried, a prescindere dal fatto che lo stipendio medio dei QB stia lievitando di anno in anno.
Goff è quello che prende di più comunque (33.5 M), al secondo posto Cousins (33 M, dopo la ristrutturazione),
Tannehill (29.5 M)
Prescott (28.7 M, in attesa di rinnovo)
Garoppolo è ultimo (27.5 M)
Bah, per me restano troppo alti, Prescott come detto non ha il contratto ma rinnoverà entro l'anno credo. Garoppolo quanto meno è 20-5 in carriera, quanto meno, e comunque ha firmato presto se non ricordo male.
#1137618
Volevo precisare anch'io la mia idea (che mi sembra coincidere in larga parte con quella di @simba).

Qui nessuno dice che Goff sia o sia mai stato il nuovo Brady. Si dice soltanto che Goff è stato per due stagioni (non due partite) al centro di uno degli attacchi migliori in NFL. Può piacere o no, ma è un ragazzo che ha giocato un SB al suo terzo anno, e non ci è stato portato dalla cicogna.

La stagione appena passata è stata pessima, e su questo siamo tutti d'accordo. Siamo d'accordo anche sul fatto che non ci fosse motivo di affrettarsi così tanto nel proporgli un contratto come quello che ha firmato. Però tutto questo non vuol dire che Goff sia diventato improvvisamente un bust. Si cerca di capire quali possano essere state le case di un peggioramento così evidente, perché, come diceva sopra @Cleveland, da Goff passa il futuro immediato della franchigia. Le cifre non danno la possibilità di trade o tagli, e con Goff si va per forza avanti fino al 2022. Tutto qui.
#1137642
gloric ha scritto:Volevo precisare anch'io la mia idea (che mi sembra coincidere in larga parte con quella di @simba).

Qui nessuno dice che Goff sia o sia mai stato il nuovo Brady. Si dice soltanto che Goff è stato per due stagioni (non due partite) al centro di uno degli attacchi migliori in NFL. Può piacere o no, ma è un ragazzo che ha giocato un SB al suo terzo anno, e non ci è stato portato dalla cicogna.

La stagione appena passata è stata pessima, e su questo siamo tutti d'accordo. Siamo d'accordo anche sul fatto che non ci fosse motivo di affrettarsi così tanto nel proporgli un contratto come quello che ha firmato. Però tutto questo non vuol dire che Goff sia diventato improvvisamente un bust. Si cerca di capire quali possano essere state le case di un peggioramento così evidente, perché, come diceva sopra @Cleveland, da Goff passa il futuro immediato della franchigia. Le cifre non danno la possibilità di trade o tagli, e con Goff si va per forza avanti fino al 2022. Tutto qui.


D’accordissmo Con te.Comunque continuo a pensare che sia difficile capire i motivi ed il modus operandi dei GM nel rinnovare i contratti ai propri giocatori, a prescindere da chicchessia perché la materia è troppo intrisa di regole e regolette che noi comuni mortali nemmeno pensiamo che possano esistere.Pensa, che per capire di quanti milioni il salary cap dei Rams si alleggeriva dopo il taglio di Gurley, ci sono volute 24 ore almeno.Nel frattempo ho letto, da addetti ai lavori, 5/6 diversi conteggi. :booohhh:
#1137802
Ciao a tutti, arrivo a rinforzare il reparto dei tifosi dei Rams, visto che siamo un po' pochini :aleee:
E ovviamente, in primis non si può non commentare l'annata appena trascorso, che vedo ha già generato una discussione con molti spunti.
Parto dalla domanda di Spartan, ovvero, cosa è cambiato dall'anno precedente, dal 2018? Da un punto di vista dei numeri 3 cose: statistiche del qb, statistiche del gioco sulle corse, e la o-line, tra perdite in FA e infortuni.
Queste tre cose sono connesse ed hanno portato al risultato visto quest'anno, e la responsabilità principale per me devono essere ricercate in alto, in Snead e McVay.
Mi spiego, perchè è un discorso un po' articolato, Snead e McVay sono stati bravissimi, hanno portato un franchise perdente a disputare in 2 anni il Superbowl, per cui stiamo parlando di due eccellenze, ma questo non li lesina da critiche se sbagliano.
Inizio dal campo e poi passerò al gm.
McVay ha costruito il nostro attacco principalmente su 2 fattori, passaggi e gurley. Il fatto di avere un rb molto consistente ci dava quel bilanciamento tra corse e passaggi, necessario per eccellere in questo sport. Inoltre il gioco aereo di McVay si caratterizza perchè usa molti end around e play action, e tracce medio-lunghe, i giochi a tempo, gli slant, quasi non esistono e per due anni non li abbiamo praticamente mai visti.
Le credibilità sulle corse permettono di usare le play action, (secondo me, anche con o-line non proprio eccellenti) cristallizzano la difesa per un secondo, aiutando la pass protection, e credo che McVay l'avesse studiata anche sapendo che la nostra o-line era più consistente sulle corse e meno sui passaggi.
E tutto funziona. Però se viene meno il bilanciamento, perdiamo credibilità nelle play action e la pressione diventa insostenibile per la o-line, cosa successa nei playoff del 2017 contro Atlanta, dove il mancato utilizzo di Gurley aveva generato qualche polemica a LA.
L'anno scorso questa cosa si è vista nettamente contro i bears, non si corre, allora si lancia e basta, la difesa avversaria si sistema, la o-line fatica, goff va in difficoltà e si perde male.
Quest'anno, secondo me è stata l'apoteosi di questa dinamica, Gurley non correva o comunque non si riusciva ad avere un gioco equilibrato, si lancia principalmente, la difesa avversaria prende le misure, c'è più pressione sul qb, la o-line non tiene perchè i giochi prevedono tracce troppo lunghe per la qualità della linea, e la tasca collassa.
McVay ha cambiato gameplan solo a fine stagione, coinvolgendo di più il TE, che per due anni aveva praticamente ignorato, e usando tracce a tempo e giochi più veloci, la o-line non andava in difficoltà e così abbiamo battuto Seattle e ce la siamo giocata con San Francisco.
Purtroppo secondo me McVay è stato un po' lento a reagire alle difficoltà della o-line, che ha condizionato il gioco di corse e dei passaggi. Quando sei costretto per infortunio a mettere in campo seconde o terze linee non puoi pensare di poter fare lo stesso gioco che fai con gli starter.
Poi aggiungiamoci che la o-line aveva perso Saffold, Withworth è stato l'OL con più yards di penalità quest'anno, e Havestein ha giocato malissimo, anche tecnicamente, ed il quadro è completo (PFF ha classificato la OL dei Rams al 31esimo posto)
Su Goff avete detto molto voi, a me non piace molto, perchè ritengo che sia un qb "vecchio stile" per come si sta evolvendo la nfl visto che sembra sia necessaria sempre più mobilità. Però è un qb nella media, alla Garoppolo, con cui si può vincere il SB, però va messo nelle condizioni di giocare, appunto perchè non è fortissimo. Poi su Goff si potrebbe parlare per ore, anche per esempio della sua tenuta mentale.
Passiamo a Snead.
L'all in ha funzionato a metà, purtroppo, ed ora è arrivato il momento di pagarne le conseguenze ma.. l'all in sembrava ancora sostenibile, anche nel medio periodo, fino alla trade non sense di Ramsey. Questo è stato un errore clamoroso, secondo me. Perchè mentre tutte le altre mosse (Cooks, la trade per Peters, il rinnovo di Gurley, il mancato rinnovo di Saffold, l'assenza di LB) possono avere un senso, almeno un minimo, quella proprio no, non serviva e ci ha segato le gambe per due draft. Anche il triennale a Whitworth non l'ho capito.
In conclusione, a me sembra ci sia della confusione, sia nel front office, che nello staff, questo si riflette in campo.
Ecco questo a grandissime linee è il mio pensiero
#1137805
botakx6 ha scritto:Ciao a tutti, arrivo a rinforzare il reparto dei tifosi dei Rams, visto che siamo un po' pochini :aleee:
E ovviamente, in primis non si può non commentare l'annata appena trascorso, che vedo ha già generato una discussione con molti spunti.
Parto dalla domanda di Spartan, ovvero, cosa è cambiato dall'anno precedente, dal 2018? Da un punto di vista dei numeri 3 cose: statistiche del qb, statistiche del gioco sulle corse, e la o-line, tra perdite in FA e infortuni.
Queste tre cose sono connesse ed hanno portato al risultato visto quest'anno, e la responsabilità principale per me devono essere ricercate in alto, in Snead e McVay.
Mi spiego, perchè è un discorso un po' articolato, Snead e McVay sono stati bravissimi, hanno portato un franchise perdente a disputare in 2 anni il Superbowl, per cui stiamo parlando di due eccellenze, ma questo non li lesina da critiche se sbagliano.
Inizio dal campo e poi passerò al gm.
McVay ha costruito il nostro attacco principalmente su 2 fattori, passaggi e gurley. Il fatto di avere un rb molto consistente ci dava quel bilanciamento tra corse e passaggi, necessario per eccellere in questo sport. Inoltre il gioco aereo di McVay si caratterizza perchè usa molti end around e play action, e tracce medio-lunghe, i giochi a tempo, gli slant, quasi non esistono e per due anni non li abbiamo praticamente mai visti.
Le credibilità sulle corse permettono di usare le play action, (secondo me, anche con o-line non proprio eccellenti) cristallizzano la difesa per un secondo, aiutando la pass protection, e credo che McVay l'avesse studiata anche sapendo che la nostra o-line era più consistente sulle corse e meno sui passaggi.
E tutto funziona. Però se viene meno il bilanciamento, perdiamo credibilità nelle play action e la pressione diventa insostenibile per la o-line, cosa successa nei playoff del 2017 contro Atlanta, dove il mancato utilizzo di Gurley aveva generato qualche polemica a LA.
L'anno scorso questa cosa si è vista nettamente contro i bears, non si corre, allora si lancia e basta, la difesa avversaria si sistema, la o-line fatica, goff va in difficoltà e si perde male.
Quest'anno, secondo me è stata l'apoteosi di questa dinamica, Gurley non correva o comunque non si riusciva ad avere un gioco equilibrato, si lancia principalmente, la difesa avversaria prende le misure, c'è più pressione sul qb, la o-line non tiene perchè i giochi prevedono tracce troppo lunghe per la qualità della linea, e la tasca collassa.
McVay ha cambiato gameplan solo a fine stagione, coinvolgendo di più il TE, che per due anni aveva praticamente ignorato, e usando tracce a tempo e giochi più veloci, la o-line non andava in difficoltà e così abbiamo battuto Seattle e ce la siamo giocata con San Francisco.
Purtroppo secondo me McVay è stato un po' lento a reagire alle difficoltà della o-line, che ha condizionato il gioco di corse e dei passaggi. Quando sei costretto per infortunio a mettere in campo seconde o terze linee non puoi pensare di poter fare lo stesso gioco che fai con gli starter.
Poi aggiungiamoci che la o-line aveva perso Saffold, Withworth è stato l'OL con più yards di penalità quest'anno, e Havestein ha giocato malissimo, anche tecnicamente, ed il quadro è completo (PFF ha classificato la OL dei Rams al 31esimo posto)
Su Goff avete detto molto voi, a me non piace molto, perchè ritengo che sia un qb "vecchio stile" per come si sta evolvendo la nfl visto che sembra sia necessaria sempre più mobilità. Però è un qb nella media, alla Garoppolo, con cui si può vincere il SB, però va messo nelle condizioni di giocare, appunto perchè non è fortissimo. Poi su Goff si potrebbe parlare per ore, anche per esempio della sua tenuta mentale.
Passiamo a Snead.
L'all in ha funzionato a metà, purtroppo, ed ora è arrivato il momento di pagarne le conseguenze ma.. l'all in sembrava ancora sostenibile, anche nel medio periodo, fino alla trade non sense di Ramsey. Questo è stato un errore clamoroso, secondo me. Perchè mentre tutte le altre mosse (Cooks, la trade per Peters, il rinnovo di Gurley, il mancato rinnovo di Saffold, l'assenza di LB) possono avere un senso, almeno un minimo, quella proprio no, non serviva e ci ha segato le gambe per due draft. Anche il triennale a Whitworth non l'ho capito.
In conclusione, a me sembra ci sia della confusione, sia nel front office, che nello staff, questo si riflette in campo.
Ecco questo a grandissime linee è il mio pensiero


Ciao botakx6, Benvenuto!!!
Spero tu non sia un fake, perché ciò che hai scritto corrisponde esattamente a quello che vado dicendo da due anni a questa parte sulla nostra franchigia, in questo forum.Tutto in maniera anche “sospetta” , vista la convergenza delle ns. opinioni :lol: :lol: :lol: :lol:
Su Goff sono d’accordo, è un qb da tasca, anche se in bootleg, ha dimostrato di fare benissimo.E io per primo considero un qb afroamerican, più performante In qs. football.Pero’ ciò che ancora mi tiene ancorato al vecchio è il fatto che i nuovi scrambles, mostrano sempre di più di usare le proprie caratteristiche fisiche per uscire da qualsiasi situazione delicata (ed in NFL è un continuo) ed alla lunga tolgono a loro stessi l'abitudine e la capacità di gestire la cosa restando dentro la tasca.Ciò è deleterio perché con il passare delle stagioni subiscono tanti colpi che ne minano le qualità fisiche a tal punto che quando non potranno più usarle per “evadere” non sapranno gestirle dalla tasca .E non in 10 stagioni, ma in 2/3.Comunque Io considero Goff un qb sopra la media, ma soltanto il tempo ci dirà chi ci avrà visto giusto.Ora dopo 3 anni è troppo presto.
Devo dire che alcuni errori manageriali li reputo fisiologici e dettati dal momento e dal bisogno.Non che dalla difficoltà della materia.Su HC invece mi vedi in totale sintonia.
#1137860
botakx6 ha scritto:Ciao a tutti, arrivo a rinforzare il reparto dei tifosi dei Rams, visto che siamo un po' pochini :aleee:
E ovviamente, in primis non si può non commentare l'annata appena trascorso, che vedo ha già generato una discussione con molti spunti.
Parto dalla domanda di Spartan, ovvero, cosa è cambiato dall'anno precedente, dal 2018? Da un punto di vista dei numeri 3 cose: statistiche del qb, statistiche del gioco sulle corse, e la o-line, tra perdite in FA e infortuni.
Queste tre cose sono connesse ed hanno portato al risultato visto quest'anno, e la responsabilità principale per me devono essere ricercate in alto, in Snead e McVay.
Mi spiego, perchè è un discorso un po' articolato, Snead e McVay sono stati bravissimi, hanno portato un franchise perdente a disputare in 2 anni il Superbowl, per cui stiamo parlando di due eccellenze, ma questo non li lesina da critiche se sbagliano.
Inizio dal campo e poi passerò al gm.
McVay ha costruito il nostro attacco principalmente su 2 fattori, passaggi e gurley. Il fatto di avere un rb molto consistente ci dava quel bilanciamento tra corse e passaggi, necessario per eccellere in questo sport. Inoltre il gioco aereo di McVay si caratterizza perchè usa molti end around e play action, e tracce medio-lunghe, i giochi a tempo, gli slant, quasi non esistono e per due anni non li abbiamo praticamente mai visti.
Le credibilità sulle corse permettono di usare le play action, (secondo me, anche con o-line non proprio eccellenti) cristallizzano la difesa per un secondo, aiutando la pass protection, e credo che McVay l'avesse studiata anche sapendo che la nostra o-line era più consistente sulle corse e meno sui passaggi.
E tutto funziona. Però se viene meno il bilanciamento, perdiamo credibilità nelle play action e la pressione diventa insostenibile per la o-line, cosa successa nei playoff del 2017 contro Atlanta, dove il mancato utilizzo di Gurley aveva generato qualche polemica a LA.
L'anno scorso questa cosa si è vista nettamente contro i bears, non si corre, allora si lancia e basta, la difesa avversaria si sistema, la o-line fatica, goff va in difficoltà e si perde male.
Quest'anno, secondo me è stata l'apoteosi di questa dinamica, Gurley non correva o comunque non si riusciva ad avere un gioco equilibrato, si lancia principalmente, la difesa avversaria prende le misure, c'è più pressione sul qb, la o-line non tiene perchè i giochi prevedono tracce troppo lunghe per la qualità della linea, e la tasca collassa.
McVay ha cambiato gameplan solo a fine stagione, coinvolgendo di più il TE, che per due anni aveva praticamente ignorato, e usando tracce a tempo e giochi più veloci, la o-line non andava in difficoltà e così abbiamo battuto Seattle e ce la siamo giocata con San Francisco.
Purtroppo secondo me McVay è stato un po' lento a reagire alle difficoltà della o-line, che ha condizionato il gioco di corse e dei passaggi. Quando sei costretto per infortunio a mettere in campo seconde o terze linee non puoi pensare di poter fare lo stesso gioco che fai con gli starter.
Poi aggiungiamoci che la o-line aveva perso Saffold, Withworth è stato l'OL con più yards di penalità quest'anno, e Havestein ha giocato malissimo, anche tecnicamente, ed il quadro è completo (PFF ha classificato la OL dei Rams al 31esimo posto)
Su Goff avete detto molto voi, a me non piace molto, perchè ritengo che sia un qb "vecchio stile" per come si sta evolvendo la nfl visto che sembra sia necessaria sempre più mobilità. Però è un qb nella media, alla Garoppolo, con cui si può vincere il SB, però va messo nelle condizioni di giocare, appunto perchè non è fortissimo. Poi su Goff si potrebbe parlare per ore, anche per esempio della sua tenuta mentale.
Passiamo a Snead.
L'all in ha funzionato a metà, purtroppo, ed ora è arrivato il momento di pagarne le conseguenze ma.. l'all in sembrava ancora sostenibile, anche nel medio periodo, fino alla trade non sense di Ramsey. Questo è stato un errore clamoroso, secondo me. Perchè mentre tutte le altre mosse (Cooks, la trade per Peters, il rinnovo di Gurley, il mancato rinnovo di Saffold, l'assenza di LB) possono avere un senso, almeno un minimo, quella proprio no, non serviva e ci ha segato le gambe per due draft. Anche il triennale a Whitworth non l'ho capito.
In conclusione, a me sembra ci sia della confusione, sia nel front office, che nello staff, questo si riflette in campo.
Ecco questo a grandissime linee è il mio pensiero

beh, ottima analisi! :polsu: :polsu:
#1137959
Ciao Botaks e benvenuto!
Complimenti anche per l'analisi che condivido ampiamente.
Aggiungo le mie considerazioni a quanto hai già detto tu.

botakx6 ha scritto:Queste tre cose sono connesse ed hanno portato al risultato visto quest'anno, e la responsabilità principale per me devono essere ricercate in alto, in Snead e McVay.
Mi spiego, perchè è un discorso un po' articolato, Snead e McVay sono stati bravissimi, hanno portato un franchise perdente a disputare in 2 anni il Superbowl, per cui stiamo parlando di due eccellenze, ma questo non li lesina da critiche se sbagliano.

Io sono un sostenitore di Snead e McVay, che hanno portato un’ondata nuova di energia, strategia e innovazione nella nostra amata franchigia, ma per quando riguarda l'ultimo anno sono d'accordo con te al 100%.

botakx6 ha scritto:McVay ha costruito il nostro attacco principalmente su 2 fattori, passaggi e gurley. Il fatto di avere un rb molto consistente ci dava quel bilanciamento tra corse e passaggi, necessario per eccellere in questo sport. Inoltre il gioco aereo di McVay si caratterizza perchè usa molti end around e play action, e tracce medio-lunghe, i giochi a tempo, gli slant, quasi non esistono e per due anni non li abbiamo praticamente mai visti.
Le credibilità sulle corse permettono di usare le play action, (secondo me, anche con o-line non proprio eccellenti) cristallizzano la difesa per un secondo, aiutando la pass protection, e credo che McVay l'avesse studiata anche sapendo che la nostra o-line era più consistente sulle corse e meno sui passaggi.
E tutto funziona. Però se viene meno il bilanciamento, perdiamo credibilità nelle play action e la pressione diventa insostenibile per la o-line, cosa successa nei playoff del 2017 contro Atlanta, dove il mancato utilizzo di Gurley aveva generato qualche polemica a LA.
L'anno scorso questa cosa si è vista nettamente contro i bears, non si corre, allora si lancia e basta, la difesa avversaria si sistema, la o-line fatica, goff va in difficoltà e si perde male.
Quest'anno, secondo me è stata l'apoteosi di questa dinamica, Gurley non correva o comunque non si riusciva ad avere un gioco equilibrato, si lancia principalmente, la difesa avversaria prende le misure, c'è più pressione sul qb, la o-line non tiene perchè i giochi prevedono tracce troppo lunghe per la qualità della linea, e la tasca collassa.
McVay ha cambiato gameplan solo a fine stagione, coinvolgendo di più il TE, che per due anni aveva praticamente ignorato, e usando tracce a tempo e giochi più veloci, la o-line non andava in difficoltà e così abbiamo battuto Seattle e ce la siamo giocata con San Francisco.

Non mi puoi trovare più d'accordo. Io e Simba sono due anni che ci stiamo chiedendo perché mai i giochi corti e veloci sono stati praticamente ignorati da McVay, soprattutto contro difese forti ed aggressive. E' dalla partita del 2018 contro Detroit che le difese più dotate, hanno intuito che una iperaggessività contro il nostro attacco era una mossa vincente e così si sono viste le partite contro i Bears, i 49ers, i Ravens, i Cowboys, con un playcall del tutto inadeguato a gestire la forte pressione sulla linea d'attacco. Più o meno lo stesso discorso anche per lo scarso utilizzo del TE, anche se una piccola attenuante la posso intravedere nella mancanza di un TE che sia un TOP nel ruolo. Sì abbiamo due buoni TE, non dico di no, ma non abbiamo un Kelce un Kittle un Ertz o un Gronkowski che sono invece dominanti nel ruolo. Viceversa il parco ricevitori è ottimo, pertanto la tentazione di affidarsi più ai WR che ai TE può essere stata una motivazione alle scelte di McVay. Non a caso Woods, ma soprattutto Kupp, hanno svolto un ruolo ibrido di slot/TE, infatti quando è mancato Kupp causa infortunio, anche il gioco aereo si è impoverito molto.

botakx6 ha scritto:Poi aggiungiamoci che la o-line aveva perso Saffold, Withworth è stato l'OL con più yards di penalità quest'anno, e Havestein ha giocato malissimo, anche tecnicamente, ed il quadro è completo (PFF ha classificato la OL dei Rams al 31esimo posto).

Sulla questione OL amplio la tua analisi. Lo scorso anno abbiamo perso due pedine importanti della OL, Saffold (che una delle G più underrated dell’intera lega) e Sullivan (C di grande esperienza e solidità), sostituiti da Noteboom e Allen evidentemente non pronti per giocare da titolari e che forse (parere personalissimo) non lo saranno mai. Nel 2018 avevamo giocato tutte le partite della regular season partendo sempre con la stessa linea titolare, lo scorso anno per tre quarti della stagione la linea titolare è stata sempre differente, dovendo frequentemente cambiare per: A) scelte tecniche/rendimento giocatori B) infortuni C) cessioni di giocatori (Brown). Durante la prima metà della stagione si sono infortunati Noteboom, Allen e Harvestein e sostituire 3 giocatori di una linea titolare per metà stagione non è mai facile per nessuna squadra. Men che meno se i sostituti sono rookie (Edwards ed Evans) o sophomore di scarsissima esperienza come Noteboom, Allen e Corbett. Quando giochi con 3/5 della linea fatta da giocatori inesperti e di cui non si conoscono ancora appieno le potenzialità, si possono, anzi tolgo il condizionale, si verificano inevitabilmente degli errori. Infine c'è stato anche uno scarso rendimento dei singoli e qualche errore tecnico nel posizionare i giocatori, Whit purtroppo inizia a sentire il peso degli anni, Harvestein non all’altezza delle due precedenti due stagioni, Blythe a Guardia e Allen a Centro erano inguardabili, tra loro c’erano delle autostrade californiane a 6 corsie per parte. La situazione è migliorata dopo la metà stagione con i nuovi innesti di Evans, Edwards e Corbett, che seppur dopo un certo rodaggio e con qualche passaggio a vuoto, hanno almeno mostrato segni di coesione e qualche partita decente è stata finalmente disputata.

botakx6 ha scritto:Su Goff avete detto molto voi, a me non piace molto, perchè ritengo che sia un qb "vecchio stile" per come si sta evolvendo la nfl visto che sembra sia necessaria sempre più mobilità. Però è un qb nella media, alla Garoppolo, con cui si può vincere il SB, però va messo nelle condizioni di giocare, appunto perchè non è fortissimo. Poi su Goff si potrebbe parlare per ore, anche per esempio della sua tenuta mentale.

Io al contrario prediligo i pocket passer e ritengo Goff meno peggio di come viene dipinto, non voglio certamente riaprire il flame da cui mi sono volontariamente astenuto, ma non lo trovo peggiore della maggioranza dei QB in circolazione. Comunque sia, è oggettivo che nella scorsa stagione abbia giocato male. Più che la tenuta mentale, a mio avviso il grosso difetto di Goff sembra essere la lettura troppo lenta. Scarica sempre con molto ritardo e la sua ostinazione a seguire il target principale, fa sì che non si accorga di ricevitori liberi o molto meglio posizionati.

botakx6 ha scritto:Passiamo a Snead. L'all in ha funzionato a metà, purtroppo, ed ora è arrivato il momento di pagarne le conseguenze ma.. l'all in sembrava ancora sostenibile, anche nel medio periodo, fino alla trade non sense di Ramsey. Questo è stato un errore clamoroso, secondo me. Perchè mentre tutte le altre mosse (Cooks, la trade per Peters, il rinnovo di Gurley, il mancato rinnovo di Saffold, l'assenza di LB) possono avere un senso, almeno un minimo, quella proprio no, non serviva e ci ha segato le gambe per due draft. Anche il triennale a Whitworth non l'ho capito.

Anche qui sono d’accordo, se l’acquisizione e la cessione di Peters ci poteva stare (nessuna squadra indovina sempre tutti i free agent) lo scambio di Ramsey non era fondamentale e soprattutto non a quel prezzo! Anche aver lasciato partire Litterton, non mi sembra una mossa lungimirante, che forse dopo un certo London Fletcher, è stato il nostro miglior LB centrale.
Spero che Snead si riprenda presto, quantomeno in tempo per il draft! :stress:

Scusate per il lungo post.
Ciao a tutti :smt006
#1137962
Ulteriore giunta sul bel pezzo di Botaks e Jaco. Soltanto alla fine dell'ultima stagione (ultime 4/5 partite o giù di lì) abbiamo cominciato ad usare i TE come ricevitori.Ma non perché siano scarsi (Higbee solo nelle ultime 5 partite ha ricevuto per più di 500 yards ), ma perché prima venivano usati quasi sempre per bloccare , in aiuto alla linea.Con il mini assestamento degli uomini in linea, e con l’acqua alla gola per lo standing, li abbiamo sollevati dall'onere difensivo molto più spesso e sono migliorati tanto nelle statistiche.
#1137974
micpr ha scritto:Benvenuto Botaks.
Facciamo una previsione...secondo voi che posizione sceglieranno nelle prime tre nostre scelte al draft????
la 52, 84 e 104.

Secondo me andremo per un LB solo se il RB che vogliamo non sarà più sul menù e viceversa . Poi sceglieremo un OLM.
#1137979
Simba ha scritto:
micpr ha scritto:Benvenuto Botaks.
Facciamo una previsione...secondo voi che posizione sceglieranno nelle prime tre nostre scelte al draft????
la 52, 84 e 104.

Secondo me andremo per un LB solo se il RB che vogliamo non sarà più sul menù e viceversa . Poi sceglieremo un OLM.

Si molto probabile che sia così.
In alternativa, non vedo impossibile la scelta di 2 LB (anche se molto difficile): 52 RB/EDGE - 84 EDGE/RB - 104 ILB
Sempre che le scelte rimangano queste, Snead al draft ci ha abituato a salire e scendere come sopra un ottovolante.
Ma dovendo scegliere un solo LB, voi prendereste un EDGE o un ILB?
Io preferirei un EDGE per dare un po' di aggressività al ns front seven, ma in tal caso come LB centrale ci dovremmo accontentare di Kiser, Young o Howard (nessuno di questi al momento, può essere considerato affidabile).
Viceversa potremmo pescare un rookie come centrale, ma resteremmo con Ebukam (decisamente sotto la media) e Okoronkwo (praticamente sempre infortunato nei due anni trascorsi) nella posizione esterna.
In nessuno dei due casi sarei tranquillo! :stress:
  • 1
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 13
long long title how many chars? lets see 123 ok more? yes 60

We have created lots of YouTube videos just so you can achieve [...]

Another post test yes yes yes or no, maybe ni? :-/

The best flat phpBB theme around. Period. Fine craftmanship and [...]

Do you need a super MOD? Well here it is. chew on this

All you need is right here. Content tag, SEO, listing, Pizza and spaghetti [...]

Lasagna on me this time ok? I got plenty of cash

this should be fantastic. but what about links,images, bbcodes etc etc? [...]

Swap-in out addons, use only what you really need!