Il forum dedicato alle squadre NFL

Moderatori: Guechamp, warner75, Ricky71, Moderatori Endzone

#1203907
Il salary cap sarà di 255 milioni. Praticamente 30 milioni di dollari in più dell’anno scorso.

La NFL ci dà una grossa mano per raggiungere il livello di Compliance. Adesso siamo 22 milioni sopra al cap, 31.7 circa in termini di effettive cap space. Potrebbe cambiare le strategie sui “paperoni” che abbiamo a roster.
Le mosse dovranno essere giuste comunque. Con i quasi 25 milioni di dead money che ci ritroviamo e i contratti in scadenza l’anno prossimo potremmo essere protagonisti in FA tanto da diventare contender…

:jo4:
#1203991
Ieri si è sparsa la news che diverse franchigie sarebbero interessate ad una trade per Khalil Mack.
Mack, 33 anni, è all'ultimo anno di contratto con i Chargers e attualmente è suo il cap hit più alto della squadra ($ 38,517,500).

Mack viene da una delle sue migliori stagioni in carriera, anzi statisticamente la migliore, con ben 17 sack all'attivo in 17 partite giocate, 74 tackle con 5 fumble forzati e (mio parere) l'incredibile numero di 10 PD (passaggi difesi).

Trovare un edge altrettanto efficace in entrambe le fasi non sarà per niente facile, ma partendo con un nuovo progetto i Chargers potrebbero decidere di scambiare Mack per ottenere pick ma soprattutto per risparmiare sul cap $ 23,250,000 (a fronte comunque di un dead money di ($ 15,267,500).

Anche se è vero che a questa età bisogna sempre andarci cauti con i giocatori atletici, devo dire che mi incuriosisce parecchio cosa deciderà la H&H e loro collaboratori su un pilastro del genere.

:smt006
#1204015
Mancano due settimane all'inizio della nuova stagione NFL. Come più volte ricordato, entro il 13 marzo tutte le squadre dovranno essere nei limiti salariali imposti dal cap 2024.
Di fatto, peraltro, la stagione comincia lunedì 11 marzo, quando dalle ore 12 di NYC, le 18 italiane, le franchigie potranno ufficialmente negoziare con i free agent senza restrizioni.
I Chargers sono attualmente (fonte OTC) 25.6 milioni di dollari sopra la soglia del salary cap. Nei prossimi giorni assisteremo ("per forza di cose", come detto ieri anche dallo stesso GM Hortiz nel corso di una sessione alquanto interessante presso il Lucas Oil stadium di Indianapolis, dove è in programma la Combine) ad altre operazioni dei Bolts che permetteranno di rientrare nei limiti imposti. Questo però sarà solo il primo step. I Chargers dovranno per forza liberare un certo spazio salariale per operare in free agency andando a caccia di veterani di interesse per ciò che intendono correre sotto Jim Harbaugh e Greg Roman.

Occorre peraltro fare attenzione quando si pensa di escluderli categoricamente dalla possibile contrattazione di elementi importanti tra i free agent per via della mera situazione del cap e della richiesta APY (media annuale) dei contratti da parte di top player o comunque di "titolari".

Ieri l'altro leggevo un tweet interessante:
"Per Over The Cap. The Chargers are projected to have 112 million in cap space in 2025. They can be aggressive if they need to be in FA this season with the right contract structures".
Ovvio, in questo computo vanno considerati il nuovo contratto di Slater (le cui contrattazioni presumibilmente inizieranno in questa offseason, sul quale al minimo sarà esercitata la fifth year option per il 25) e tutti quelli che si aggiungeranno entro il limite dei 51, ma comunque resta uno spazio notevole.

Già, la struttura dei contratti. Nel 2025, al momento solo i contratti di Herbert, Bosa (che però diventa facilmente tagliabile e all'ultimo anno senza garantito) e Derwin James chiamano soldi importanti per il 2025 (ma nemmeno troppo, considerando le singole strutture contrattuali e l'aumento enorme che si è avuto sulla soglia già quest'anno).

E la situazione dei big contract è ancora in evoluzione, perché potremmo assistere a breve a qualche taglio, ristrutturazione o (ipotesi meno probabile) estensione.

Benedetti prorated bonus. E benedetto il contrattone firmato da Herbert lo scorso anno, quando il limite era di 30 milioni più basso...
Ed McGuire e (giusto dirlo, anche se passato al nemico..) Tom Telesco, hanno lasciato una situazione davvero intrigante per (ri)costruire la squadra con i mattoncini lego più graditi per dimensioni e colori al nuovo Coaching Staff. :smile:
#1204037
senza tenere conto di quanto detto dal JH GM, non JH HC o JH QB, che ama prendere le comp pick, per cui potranno esserci dal 2025, ma anche già da quest'anno con Ekeler per esempio, i saluti a diversi veteran che porteranno acqua, anche se poca, al mulino dei JHs.
#1204118
Ieri sul palco della Combine nelle sessioni di Media Availability era la volta dei Tight end e dei Defensive Back.

Brock Bowers era ovviamente al centro dell'attenzione mediatica e ha detto di aver incontrato una quindicina di franchigie per le interview dei giorni precedenti.

Alla domanda precisa di Gilbert Manzano che per anni (dai tempi di San Diego) ha coperto i Chargers e oggi scrive per Sports Illustrated ha così risposto:

“I met with the Chargers the other night. Me and Coach Harbaugh talked about when we played them in 2021, when he was recruiting him. It was cool to see him again and talk to him.”

Come avevo raccontato in precedenza Jimbo voleva fortemente portare Bowers ad Ann Arbor, ma poi Brock scelse Georgia e, il 31 dicembre 2021, fu tra i motivi principali per cui Georgia sconfisse Michigan nell'Orange Bowl, semifinale nazionale per quella annata di college football. Il tutto, chiaramente, da true freshman.

L'altro giorno leggevo la prima versione resa disponibile sul sito PFF della Draft Guide 2024. La scheda dedicata a Bowers da Pro Football Focus recita tra l'altro (inutile qui inserire le ovvie qualità in ricezione o after the catch o come runner di potenza):

    Strengths
    • Even (and extensive) snap experience between inline and slot — ultimate chess piece as a pre-snap motion player.
    Pound for pound a powerful and reliable run blockergreat lead blocker on split zone concepts and counters.
    Blocking ability in space is fundamentally sound and reliable.

L'idea che ho del ragazzo (lasciando perdere gli epiteti da Unicorno...) l'avete capito che è molto alta, e vabbene.
Ma qui stiamo parlando di come starebbe Bowers nella offense di Harbaugh-Roman. Ve lo dico io...
"come il pecorino sulla carbonara".
Se ve la servono senza pecorino o senza avervi fornito il recipiente per aggiungerla, rimandatela in cucina. FIDATEVE. :wink:

Sul podio è salito anche un altro TE che farà parecchia strada in NFL. A.J. Barner di Michigan. Inutile chiedere anche a lui se avesse parlato "coi Chargers". :smile: Ha esordito affermando di essere il migliore Blocking TE di questa classe. Personalmente gli credo ciecamente. Ho visionato abbastanza partite di Michigan nelle ultime settimane (chissà perché...) per poterlo condividere. Il bello è che da quanto ho potuto vedere, Barner è istantaneamente un blocking TE da NFL, ma ha anche margini di miglioramento come Y davvero importanti. Se non ci credete guardate le sue partite ad Iowa (triennio 2020-2022) dove era molto più coinvolto nelle azioni di passaggio. Non mi sorpenderebbe per lui una parabola in NFL come quella di Dalton Schultz. E lo seguo ancora il mio ragazzone da Stanford, così come seguivo gli altri...

Dovessero rinunciare a Bowers i Chargers credo che un Barner non potrebbero farselo sfuggire. Il problema sta nel fatto che penso ormai siano in tanti ad essersi accorti di lui. Stiamo parlando di un mid-round, ma più passa il tempo più è probabile sia... prima... al momento (TBD) direi che vale la selection alta del 4° round. Ma questa non è una classe profonda nel ruolo come quella dello scorso anno. Il valore medio è molto più basso, anche se il picco è molto più alto.

I Chargers comunque hanno intervistato anche Ja'Tavion Sanders di Texas.
Personalmente poi, mi intriga Ben Sinnott di Kansas State.
Però già stiamo parlando di due TE dalla Big12. Che è un altro film...
#1204208
Inizia oggi l'ultima settimana prima dell'avvio del nuovo anno NFL e sarà cruciale per conoscere il futuro dei 4 veterani con big contract ancora a roster, essendo i Chargers ancora 25,6 milioni sopra il cap.
I rumors dalla Combine di Indy non sono poi molto diversi dalle voci che già serpeggiavano settimana scorsa:
- il taglio di Mike Williams, che farebbe risparmiare 20 milioni tondi (qui ho solo un dubbio, cioè che MW - 30 anni a Ottobre - va in ultimo anno di contratto e Hortiz gradirebbe eccome tenerlo per poi lasciarlo UFA nel 25 e farci comp... ma non vedo come altro possano agire al momento i Bolts... forse con una estensione, però pericolosa stante la sua salute, vedremo);
- una possibile extension per Allen, di modo da fargli chiudere la carriera con questa maglia (e se lo è ampiamente meritato). Keenan ne farà 32 il prossimo 27 aprile, giorno di chiusura del draft. Dopo l'ottima annata 2023, nulla sembra mostrare un calo imminente, anche se data l'usura non si può mai dire. Peraltro non stiamo parlando di un ricevitore che fa della velocità un suo punto di forza, tutt'altro. Una estensione potrebbe portare ad un risparmio sul cap fino a 17 milioni, ma ovviamente dipende dalla struttura del contratto;
- le voci insistenti su una trade per Mack. Qui è davvero aperta ogni soluzione, ma se non succede nulla in questa settimana e a meno di offerte irrinunciabili al draft, credo che i Chargers lo terranno per il suo ultimo anno (anche qui varrebbe eventualmente il discorso comp e poi una trade porterebbe sì ad un risparmio sul cap di 23,2 milioni ma ne lascerebbe comunque 15,2 di dead money in eredità);
- la complicata situazione di Joey Bosa. Intendiamoci, Bosa è ancora uno dei migliori edge della NFL quando è sano. Ha ancora due anni nel suo contratto. In questo momento però un eventuale taglio, ma anche una trade, non sono economici in termini di dead money / cap savings. Solo una ricca contropartita potrebbe far pensare ad uno scambio, ma chi si prenderebbe questo "rischio"?

Un cap casualty è sicuramente Eric Kendricks. A Los Angeles non abbiamo mai visto il linebacker ammirato ai Vikings. Rinunciare al secondo e ultimo anno del suo accordo porterebbe a un risparmio sul cap di 6,5 milioni (con 2,5 di dead).

La Combine ha mostrato un bel parco di ricevitori disponibili in questa annata. L'unica cosa "strana" era il palco dei Chargers, spento e deserto sabato, il giorno dei drills dei ricevitori. Vero che Harrison e Nabers non c'erano, ma è una stranezza da evidenziare (o da voler evidenziare...) 8)

Ieri invece il nostro nuovo OL coach Mike Devlin ha guidato i drills dei "ciccioni che corrono" e in particolare gli esercizi sui Centri. In platea c'era anche il suo assistente, Nick Hardwick, l'ex centro dei San Diego Chargers di Tomlinson e della Marty Ball. Ho idea che un Centro arriverà nel draft, prima o poi... (e c'ho anche i nomi ma come sempre per scaramanzia non li faccio) :lol:

:smt006
#1204240
Nicola Micciadura non l'ho visto ma Devlin si e con i centri si è divertito a fare da SB per gli snap
sono convinto pure io che un C arriverà ma dubito dal primo giro.
vero è che ci danno in trade down (raiders-vikings?), potrebbe in questo modo arrivare un OL al secondo guadagnato con la trade.
sepriamo, questo draft più di ogni altro sarà da guardare e valutare attentamente
#1204363
In queste ore tutti i tifosi dei Chargers sono in attesa di news inerenti ai contratti degli ormai soprannominati "big four".

Danno quasi tutti per imminente il taglio di Mike Williams, ma comunque non basterà per operare nel mercato free agent. Estensione di Allen? nuova ristrutturazione per Bosa? E le voci di trade su Mack? Ad ormai 3 giorni dall'avvio delle contrattazioni nel mercato Free Agents prima o poi arriveranno per forza delle "news".

Intanto, il mercato FA quest'anno è diventato davvero ricchissimo in almeno 3 posizioni, in cui peraltro abbiamo assoluto bisogno di rinforzi, dato che sono in uscita dei titolari in tutti e tre i reparti.
Ovviamente sto parlando dei Running Back, degli (off-ball) Linebacker e delle Safeties.

Quest'ultimo credo sia a memoria uno degli anni in cui c'è maggiore qualità di defensive back sul mercato. Al taglio dei vari Q.Diggs e Adams dai Seahawks, Hyde e Poyer dai Bills, si è aggiunto da pochi minuti addirittura il nome di Justin Simmons, tagliato dai Broncos per ovvie ragioni salariali.
Simmons diventa automaticamente il FS più forte e ambito del mercato. Peccato quest'anno non avere lo spazio salariale necessario per provare ad arrivare a rinforzi di tale valore, che capitano davvero raramente, così tutti insieme.

Nonostante questo, la ricchezza degli agenti liberi nei tre suddetti reparti può rivelarsi davvero molto interessante per andare a pescare dei prospetti di medio-range davvero intriganti per... i "nuovi" Chargers.

Si dia inizio alle danze! :aleee:
#1204397
C'erano pochi dubbi, comunque Dicker "the Kicker" ha firmato il suo tender annuale (ERFA) da 985K e sarà ancora il Kicker dei Chargers, anche sotto la nuova gestione.
La prossima estate sarà RFA e comincerà ad essere pagato per quello che vale un K del suo livello.

:smt006
#1204450
Aria e spifferi di separazione con Joey Bosa, 3 scelta assoluta del Draft 2016 (l’ultimo anno giocato dai Chargers a San Diego) e Defensive rookie of the year in quella stagione nonostante giocò solo 12 partite per i noti screzi contrattuali con la franchigia (il regolamento allora non prevedeva ancora il cap per un rookie prima scelta come oggi).
Bosa è stato indiscutibilmente uno dei più forti DE che si siano mai visti con questa maglia. Al di là della produzione di sack, in cui nella Lega vi sono e vi sono stati giocatori più produttivi, JB ha rappresentato forse uno dei più forti DE sul lato forte dell’ultimo decennio, un giocatore fantastico anche contro le corse e nel chiudere l’edge.
Purtroppo i tanti infortuni muscolari avuti soprattutto nella seconda parte di carriera ci hanno privato di un fulcro determinante per le sorti della nostra squadra. Sì perché c’è un motivo per cui la sua estensione contrattuale ne ha fatto uno dei primi 3 Edge rusher più pagati della NFL.

Ora si parla e si rumoreggia parecchio di trade o di taglio. In entrambi i casi potrebbe anche non essere imminente, perché la struttura del contratto ancora vigente (2024 e 2025) suggerisce che - pure se le voci provenienti dall’interno della franchigia fossero state piazzate ad hoc - lo scambio potrebbe avvenire anche in sede di draft o persino oltre, così come un eventuale taglio potrebbe essere più economico con designazione post 1 giugno, il che significherebbe maggiore flessibilità per la seconda parte della FA, quella dopo il draft, che per i nuovi Bolts sarà altrettanto importante.

Sono triste, ovvio. Come lo sarò per il taglio di Williams o l’addio di Mack e (magari l’anno prossimo) di Allen. Ma quello che abbiamo intrapreso è un percorso completamente nuovo e nuove giustamente saranno le scelte del coaching staff che potrà sfruttare le sue competenze dirette del mondo NCAA per condividerle con GM e scouting.
Si apre un nuovo capitolo dei Chargers. Questo mi piacerebbe fosse chiaro, anche a tanti analisti e draftologi.

Se separazione sarà… Joey, è stato bello. :smile:
Noi… Ricominciamo! Come la canzone di Adriano Pappalardo. :lol: uno che quando nascevo io, nel 1973, cantava California no… :lol:
E invece California sì! :lol: Anche per Joey forse… magari un po’ più a nord… 8)
#1204457
Facevo due calcoli con OTC, giusto per perdere tempo in attesa degli OSCAR. :ahno:

Se i Chargers tagliano o tradano Williams, Bosa, Mack e Fox, ed estendono Allen spalmandone il contratto su un biennio, dai 19,5 o quanti che siamo sopra il cap scendiamo a 51 milioni sotto.

Ricostruzione della macchina ON. :gazza:
  • 1
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
  • 36